• promozione@franzcampi.it

Category ArchiveTutto Franz Campi

DIEGO LANDI

DIEGO LANDI

Ho avuto la fortuna di collaborare con Diego anni fa quando andai a Mira (VE) per un concerto. Lì ha immortalato tutta la band con una sensibilità davvero unica. Da allora ho spesso chiamato Diego a fornire qualche scatto per il reportage della mia vicenda artistica. Grazie Diego !

 

Diego Landi fotografo molto noto nel veneziano, collabora da 20 anni con Ulderico Manani nel campo della danza e in campo musicale con le etichette MATERIALI SONORI e SRAZZ RECORDS. Le sue fotografie sono, secondo le sue parole, “da ascoltare con il cuore” e “vivamente sconsigliate e coloro che ricercano il tecnicismo e non l’emozione”.

Nuovo bellissimo sito per Diego a questo indirizzo:
http://www.diegolandi.it

Lauzi DVD

E’ appena uscito il DVD della serata dedicata a Bruno Lauzi dove Franz interpreta “il Poeta” e “La tartaruga”. Incasso devoluto all’Associazione Italiana Parkinson.

Martedì 17 Aprile 2007 si è svolto al BLUE Inn Cafe’di BOLOGNA “RITORNERAI – BOLOGNA SALUTA BRUNO LAUZI – “

Bruno Lauzi, uno dei più autorevoli e significativi esponenti di quel gruppo che accomunava Luigi Tenco, Umberto Bindi, Fabrizio De Andrè, Gino Paoli, conosciuto come la “Scuola Genovese”. Definizione che Lauzi stesso ha sempre rifiutato, ma che nell’uso comune identifica quei musicisti che hanno dato la svolta drastica alla musica leggera italiana, dando origine al fenomeno cantuatorale. Fenomeno irripetibile tutt’ora, nato da una sinergia storico-geografica in quella Genova al confine con la Francia degli chanchonniers, interpreti della filosofia esistenzialista di Jean Paul Sartre, ed Albert Camus attraverso le voci di Edit Piaf, Charles Aznavour e Jaques Brel e i versi di poeti come Mauriac, Queneau e Jaques Prevert. Sinergie uniche con produttori del calibro di Reverberi e Calabrese, con altri artisti come Mogol e Battisti, Paolo Conte, Mia Martini e tanti altri …

Lauzi amante del jazz e della buona cucina; scrittore e poeta.
Lauzi cantautore (vedi IL POETA, RITORNERAI), autore (vedi RAGAZZO PADRE, L’APPUNTAMENTO, ALMENO TU NELL’UNIVERSO), e interprete (ONDA SU ONDA, GENOVA PER NOI, AMORE CARO AMORE BELLO….) Lauzi conta fiabe: ”LA TARTARUGA”, “CICCIOTTELLA”, “JOHNNY BASSOTTO”… Lauzi poeta (alcune raccolte di poesie tra cui VERSI FACILI ed ESERCIZI DI SGUARDO) e scrittore (IL CASO DEL POMPELMO LEVIGATO pubblicato da Bompiani con la complicità di Franco Battiato, e l’ultimo TANTO DOMANI MI SVEGLIO). Lauzi cabarettista, capace di far ridere e commuovere.

 

La serata è stata un’occasione per raccontarlo a tutto tondo, a quelli che lo hanno apprezzato per la sua musica ed a quelli che non lo conoscono bene.

Sul palco sono saliti: Roberto Freak Antoni, Franz Campi, I Gemelli Ruggeri, Raniero Gaspari, Guido Foddis, Silvia Parma, I Mina Vagante, Stefano Giacovelli, Dajana, Zap e Ida, Lupo Angel, Debora Pometti, Romano Romani, Simona Sagone, I m.tri Maurizio Deoriti e Sergio Grazzini. I professori Alberto Bertoni dell’Università di Bologna e Davide Ferrari dell’Università di Bolzano ne commenteranno l’aspetto poetico-letterario. Con un contributo di Carlo Lucarelli.

Della srata è stato realizzato un DVD che viene venduto alla cifra di 10 euro. L’intero incasso è devoluto all’Associazione Italiana Parkinson.

Gli interessati si possono rivolgere alla organizzatrice Silvia Parma 339/7773114 silviaparma@libero.it oppure ad Eurovideodigital -produttore del video- 051/578176 info@eurovideodigital.com presentandosi a suo nome e chiedendo di Gaetano Zingale.

ERNESTO GELDES ILLINO

Batterista, percussionista, grooves design

Ernesto l’ho conosciuto come esperto di computer.. Insomma, mi ha dato una mano ad aggiornare la precedente versione del mio sito. Cioè, aggiornava quando poteva (lo faceva come favore personale) tra i mille impegni che si prende.
Poi un giorno Babi mi parla di un nuovo gruppo con cui suona, la No name band, con Ernesto alle batterie elettroniche ed un chitarrista molto bravo con una splendida voce ed un gran gusto per i cori che si chiama Daniele Faraotti.
E siccome Babi quando mi parla di qualcosa c’è quasi sempre sotto una richiesta di una cortesia, le ho dato le chiavi della mia cantina insonorizzata per le prove di questa band.
Sono andato a sentirli e sono davvero rimasto molto colpito dal loro lavoro.
Poi la vita rotola come crede: ora ho chiesto a questo duo composto da chitarra e batterie elettroniche/percussioni di collaborare con me ed insiem abbiamo ho rivisitato gli arrangiamenti di gran parte del mio repertorio.
Sono contento di avervi incontrati Ernesto e Daniele.
Vediamo quanto è lungo e piacevole il pezzo di strada che possiamo fare insieme.

Così si descrive Ernesto:

Nasco a Santiago del Cile il 20/12/1971 per giungere nel 1974 in Italia.
All’età di 8 anni comincio a suonare le percussioni nel gruppo italo/cileno “Mapu Aucan” complesso di musica latino americana in stile Inti Illimani, Illapu, Quila Pallun.
Dalle percussioni alla batteria il passo e breve così come la scoperta di generi musicali assolutamente diversi; Dall’Hardcore al noise più efferato e dal Jazz alla musica d’autore.
Centinaia di esibizioni live sia come percussionista: Odette’s Tips, Amesterdam, Streets Knowledge, Wake’up Zanzapunke, e come batterista: All Alluminium Can, Silsmaria, Magik Mushroom, N.D.C. Hand Jobs, Xpoit of view.
La scoperta della musica elettronica (radicata nel mio D.N.A. sin dagli anni 80) è come un colpo di fulmine ed il bisogno di eseguirla in prima persona vitale.
Mi armo così del mio primo campionatore e di una groove box per cominciare a creare brani, grooves, distorsioni o semplici tappeti sonori con sembianze cacofoniche.

Attualmente smuovo le ritmiche nella Daniele Faraotti Band, NoName Trio e Votiva Lux.